Close

Ama, Di Cola (Cgil)-Cenciarelli (Fp Cgil): Campidoglio sospenda presidente Ama

“Quanto leggiamo in queste ore sulla stampa in merito alla richiesta di rinvio a giudizio del presidente di Ama, Daniele Pace, per violenza sessuale nei confronti di una lavoratrice dell’azienda municipalizzata rappresenta un fatto gravissimo sia per i reati contestati, che per la fattispecie. In attesa che la giustizia faccia il suo corso un dirigente che ha a cuore l’azienda e la città dovrebbe di sua iniziativa fare un passo indietro. Sarebbe dovuto accadere già mesi fa, quando si è aperta l’indagine. Per questo ci aspettiamo che il Campidoglio intervenga, sospenda Pace affinché l’azienda possa lavorare in tranquillità e prepararsi al meglio per il Giubileo del 2025 e tuteli la lavoratrice consentendole di tornare a svolgere le proprie mansioni in serenità”.

Lo dichiarano in una nota il segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio, Natale Di Cola, e il segretario generale della Fp Cgil di Roma e del Lazio, Giancarlo Cenciarelli. “Siamo convinti – aggiungono – che su questa vicenda non mancherà il sostegno alla lavoratrice da parte del sindaco Gualtieri, avendo ricevuto il riconoscimento di ambasciatore del Telefono Rosa quasi due anni fa. Se ciò non dovesse accadere ci faremo sentire. Stiamo anche valutando, assieme ai nostri legali, se ci sono gli estremi affinché la Cgil di Roma e Lazio e la Fp Cgil Nazionale possano costituirsi parte civile perché quanto viene addebitato a Pace sarebbe avvenuto in ambito lavorativo e a danno di una lavoratrice” concludono i sindacalisti.

Related Posts

Prenota ora!