Close

Cpr Ponte Galeria, Cgil: ennesima tragedia annunciata

Al Cpr di Ponte Galeria “l’ennesima tragedia annunciata”. Lo dichiara in una nota la Cgil di Roma e del Lazio.
“Il sistema dei centri di permanenza per il rimpatrio – aggiunge il sindacato – ancora una volta dimostra tutta la sua inumanità, ingiustizia ed inefficacia. Dal 2017 si continua ad investire importanti risorse nella detenzione amministrativa come politica per la gestione dei rimpatri con il risultato di far aumentare vertiginosamente i tempi di detenzione. Fino a 18 mesi di detenzione passati in condizioni di scarsa igiene e pochi servizi: nove minuti di assistenza legale e sociale assicurati mediamente ogni settimana a ciascun trattenuto e 28 minuti di mediazione linguistica, come fotografato dall’ultimo rapporto di Action Aid.
Superare i Cpr e un modello basato sulla privazione dei diritti basilari delle persone deve essere la priorità, così come è fondamentale superare la logica punitiva e colpevolizzante che il governo mette in campo non solo verso i migranti, son fin troppi i casi con cui si ricorre all’inasprimento delle pene, come nel caso del Decreto Caivano, anziché affrontare i problemi con l’intento di migliorare la condizione di vita delle persone.
Continueremo a mobilitarci per un nuovo modello di accoglienza e gestione dei flussi migratori che rimetta al centro la dignità e i diritti delle persone”, conclude la Cgil di Roma e del Lazio.

Related Posts

Prenota ora!