Close

Antimafia, Di Cola (Cgil Roma Lazio): lavoro di qualità passa per lotta a criminalità

Non ci può essere un lavoro di qualità “senza una vera lotta alle mafie”. Lo ha detto il segretario della Cgil di Roma e del Lazio, Natale Di Cola, in occasione dell’iniziativa “Il lavoro contro tutte le mafie”, in previsione della giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, all’istituto Galilei di Roma. “Quella di oggi è una iniziativa importante di Cgil, Cisl e Uil, per ribadire ancora una volta che il mondo del lavoro è contro tutte le mafie – ha aggiunto -, ma soprattutto è attivo affinché si sviluppi una cultura della legalità, dell’uguaglianza e di lotta ai fenomeni criminali, che negano il futuro a tante comunità e negano il lavoro a tante lavoratrici e lavoratori. Un momento di riflessione importante, perché siamo onorati che la prossima giornata di celebrazione delle vittime di mafia si svolga a Roma quest’anno. Il nostro impegno c’è, è nella nostra agenda sindacale, perché non ci può essere un lavoro di qualità senza una vera lotta alle mafie”.

“Come sindacato – ha sottolineato il segretario della Cgil di Roma – siamo impegnati perché le mafie vengano sconfitte e perché chi ha dato la vita per la legalità venga ricordato e portato come esempio. Questi temi tuttavia non sono così amati e voluti dalla discussione pubblica, non sono oggetto di riflessione da parte della comunità politica, ma pervadono la nostra azione quotidiana. Dietro alle vittime sul posto di lavoro ci sono le illegalità e le mafie. Dobbiamo trovare la forza di contrastare le politiche del governo delle destre e anche la piega del gioco d’azzardo che nella nostra regione sta avendo grande successo. I sindacati sono impegnati a cambiare la società, e la lotta alle mafie è un aspetto cruciale che si aggiunge alla lotta per i diritti. È importante che lo Stato faccia la sua parte, non solo con la cultura politica, non solo sostenendo le forze di repressione, ma salvaguardando i servizi pubblici, investendo sul welfare pubblico e facendo in modo che le periferie e i luoghi più difficili non siano un luogo di abbandono e solitudine, terreno fertile per coloro che cercano nella disperazione delle persone consenso e seguito”, ha concluso.

Related Posts

Prenota ora!