Close

Rifiuti, Cgil: Gualtieri doveva dichiarare emergenza

“Cgil e Legambiente il 13 luglio faranno le loro proposte perché, in assenza di un dibattito, chi vuole bene alla città prova a dire il suo punto di vista anche in assenza di un piano”. Il segretario della Cgil di Roma e Lazio, Natale Di Cola, parlando durante un evento di Sinistra Civica Ecologista ha annunciato la presentazione di un piano rifiuti di Roma congiunto del sindacato insieme all’associazione ambientalista.

“La città è in una delle crisi più importanti degli ultimi 18 mesi- ha detto- Quindici giorni fa dissi all’amministrazione che la mancanza di una scelta tempestiva e coraggiosa dopo l’incendio di Malagrotta avrebbe condannato la città alla situazione attuale per tutto luglio. Quest’anno rischiamo, anche a causa si questa crisi, di avere una diminuzione dell’1% annuo della differenziata”.

Il sindacalista ha contestato le scelte del Campidoglio: “Gualtieri, che ha usato i poteri straordinari, non ha ascoltato chi come noi diceva che il problema era tale e tanto che non si sarebbe risolto in 15 giorni. Perdere soldi e vedere lavorare male i lavoratori è inaccettabile. L’amministrazione non ha avuto il coraggio di dichiarare l’emergenza e di fare cose straordinarie. Bisognava trovare luoghi dove stoccare dalle 10 alle 20mila tonnellate di rifiuti per permettere alla città di non avere questa emergenza. Era politicamente difficile e bisognava chiedere aiuto all’esercito ma era necessario perché ci vogliono decine di giorni per recuperare i rifiuti a terra. In questi giorni si stanno raccogliendo meno tonnellate che nell’ordinario perché l’Ama vive delle emergenze e chi telefona di più ha il servizio facendo un’inefficienza perché si disorganizza il servizio. Scriveremo anche agli organi preposti, perché qualcuno ha sottovalutato. Ed è incredibile che in queste settimane di crisi si sia cambiato il cda di Ama”.

Related Posts

Prenota ora!