CENSIS

8 famiglie su 10 non sanno se supereranno la crisi

0
%
PERDITA POTERE D'ACQUISTO
0
%
AUMENTO COSTI SPESE ESSENZIALE
0
%
TASSO DI POVERTÀ

La riduzione del potere di acquisto degli stipendi e delle pensioni a Roma e nel Lazio tra il 2000 ed il 2018 è stata di circa il 22% del reddito annuo e negli ultimi tre anni a causa della pandemia, dell’aumento dei costi energetici e dell’inflazione, la riduzione reale del potere di acquisto ha registrato per i redditi fino a 55.000 euro una ulteriore riduzione media di circa 2.173 euro anno.

Nello stesso periodo i costi per le spese incomprimibili delle famiglie (affitti, mutui, tasse, imposte e manutenzione dell’abitazione, acqua e altri servizi per l’abitazione, energia elettrica, gas ed altri combustibili, spese sanitarie, spese d’esercizio dei mezzi di trasporto, combustibili e lubrificanti, assicurazioni, protezione sociale, servizi finanziari) sono cresciuti del 60% su dati Istat riducendo sempre più il nucleo del reddito libero disponibile delle famiglie per le altre spese. Questa situazione oltre a portare nell’area del rischio di insolvibilità molte famiglie di operai, impiegati, pensionati, artigiani e commercianti di vicinato rischia di innescare una contrazione dei consumi che si scaricherà sui soggetti economicamente più deboli della città e della regione a partire dai precari e dai dipendenti delle microimprese, soprattutto giovani e donne, che come avvenuto nel corso della pandemia pagheranno un prezzo altissimo sia in termini economici che occupazionali.

È necessario che tutto il perimetro pubblico, le banche, le società energetiche elettriche e del gas costruiscano una rete di sostegno economico e sociale almeno fino a Dicembre 2023 che eviti il tracollo finanziario e sociale di individui e famiglie assumendosi pienamente la responsabilità sociale che la grave congiuntura economica richiede ai soggetti titolari di responsabilità pubblica, di erogazione di servizi pubblici e ai soggetti di gestione del risparmio.

PROPOSTE

1

SOS Caro Vita

Attivazione di uno sportello pubblico, dedicato a chi è in difficoltà, per sapere a quali misure si può accedere, essere sostenuti e assistiti nella richiesta delle prestazioni e degli aiuti.

2

Centrale operativa caro vita

Attivare una Centrale Operativa Contro il Carovita con tutti i soggetti istituzionali e sociali per monitorare i processi in corso e proporre soluzioni adeguate.

3

Bonus sociali per Energia Gas e Acqua

Il Governo ha stabilito la soglia ISEE per accedere ai bonus sociali a 12.000 euro. Agli Enti Locali del Lazio chiediamo di ampliare la platea dei beneficiari innalzando la soglia ISEE a 25.000 euro e graduando il valore del sostegno economico in base al valore ISEE.

4

Gestione morosità

Chiediamo una sospensione dei distacchi delle utenze di luce e gas, nei casi di accertata difficoltà economica delle famiglie, e che gli operatori economici del settore forniscano agli Enti Locali una comunicazione preventiva sui casi di morosità al fine di valutare la proposta di soluzioni alle famiglie in difficoltà, anche facendosi carico del pagamento delle utenze come avvenuto con ATER.

5

Rateizzazione bollette

Aprire con gli operatori economici un confronto per ampliare e migliorare gli accordi sulla rateizzazione lunga pluriennale delle bollette, anche tramite una specifica garanzia pubblica che copra gli eventuali oneri.

6

Reddito energetico

Prevedere un fondo di sostegno garantito dal pubblico per le fasce meno abbienti per la realizzazione di interventi di riqualificazione energetica degli immobili, anche ai fini dello sviluppo delle rinnovabili, contenimento dei consumi energetici e per contrastare la povertà energetica.

7

Bonus alimentare e Bonus affitto

Rifinanziare la misura già messa in campo durante il 2020 e il 2021 per fronteggiare le ricadute economiche dell’emergenza sanitaria per consentire l’acquisto di beni alimentari e per consentire il pagamento del canone mensile di affitto.

8

Misure per soggetti fragili

Rafforzare le misure a sostegno dei soggetti fragili, su cui gravano i costi energetici e i costi delle spese sanitarie e la cui condizione fisica non sempre consente l’attività lavorativa, determinando redditi più bassi.

9

Rateizzazione Tributi locali e blocco aumenti

Rateizzare il pagamento delle imposte comunali, renderle progressive e prevederne la sospensione per i nuclei familiari in difficoltà. Blocco degli aumenti tariffari sui servizi Comunali almeno per l’anno 2023.

10

Prestito Caro-Vita Garantito

Sul modello dei prestiti garantiti per la pandemia offrire un prestito rimborsabile in 10 anni a interessi zero pari alla differenza annuale tra il costo delle bollette energetiche della famiglia nel 2019 e il costo delle bollette nel 2022/2023 della stessa famiglia e/o di mitigazione degli effetti dell’inflazione.

11

Diritto allo studio

Innalzamento della soglia ISEE entro cui non è richiesto il versamento dei contributi per l’iscrizione estendendo la platea dei beneficiari della NO TAX AREA.

12

Bonus trasporti

Aumentare le attuali agevolazioni per i nuclei familiari con Isee non superiore ai 25.000 euro sugli abbonamenti del TPL graduando il valore del sostegno economico in base al valore ISEE, fino alla totale gratuità per i redditi più bassi.