Close

Giubileo, Di Cola (Cgil Roma): poche risorse, preoccupati per ricadute su città

Le risorse stanziate per il Giubileo di Roma “sono poche”. Lo dichiara, in una nota, il segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio, Natale Di Cola. “Esprimiamo forte preoccupazione sull’entità delle risorse stanziate per il Giubileo dedicate all’accoglienza dei pellegrini, meno della metà di quelle richieste dal Comune stesso. Quanto previsto dal Dpcm, in merito ai finanziamenti per l’accoglienza dei pellegrini, è una cifra lontana dalle reali necessità della Capitale affinché il Giubileo del 2025 si possa realizzare senza aggravare ulteriormente i problemi della città – sottolinea Di Cola -. Infatti, dei soli 458 milioni di euro previsti nel triennio 2024-2026, la città di Roma ne vedrà circa 215 e in gran parte destinanti esclusivamente al decoro urbano”. A 200 giorni dal Giubileo “siamo ancora senza investimenti per nuove assunzioni – aggiunge Di Cola -. Sulla macchina amministrativa del Comune e le partecipate, a oggi non sono stati definiti accordi per assunzioni e azioni di potenziamento straordinario”.

Inoltre, il sindacato sottolinea “l’assenza di investimenti per il coinvolgimento e la partecipazione della cittadinanza. Così – spiega il segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio, Natale Di Cola – si rischia di non avere le risorse per affrontare il Giubileo e di dover di prosciugare il bilancio comunale per finanziare e affrontare le esigenze legate al grande evento religioso, anziché liberare risorse per aiutare le persone più in difficoltà, per diminuire la pressione fiscale sulle fasce di reddito più basse e per potenziare i servizi pubblici. Chiediamo al Comune di Roma un incontro urgente sul tema delle risorse giubilari e alle forze politiche di agire nei confronti del Governo per far sì che il Giubileo non sia solo un evento religioso, ma che sia un Giubileo delle opere per cambiare il volto della città, un Giubileo del lavoro per creare occupazione di qualità e un Giubileo delle persone per migliorare la condizione di vita delle cittadine e dei cittadini”, conclude Di Cola. 

Related Posts

Prenota ora!