Close

Sanità, Cgil: emergenza pronto soccorso continua. Servono interventi concreti

Secondo i dati elaborati dalla Cgil di Roma e Lazio, in base agli accessi in tempo reale registrati sul sito Regione Lazio, ogni giorno nei pronto soccorso del Lazio circa il 15 per cento dei pazienti resta in attesa. “Da tempo denunciamo la condizione in cui versa il servizio sanitario regionale e la rete dei pronto soccorso del Lazio. Nei mesi della pandemia, e quelli immediatamente successivi, sembrava che finalmente non fosse più discutibile il ruolo della sanità pubblica e invece sta accadendo tutto il contrario: il personale è sempre più in affanno e sempre più persone rinunciano alle cure, sia per questioni economiche, sia per la gara ad ostacoli a cui le liste di attesa li costringono”, spiega in una nota Natale Di Cola, Segretario Generale della Cgil di Roma e Lazio.

Per uscire da questa situazione, “servono importanti investimenti sui servizi pubblici, a partire dalle assunzioni, invece si continua a dirottare risorse pubbliche sulla sanità privata che sul brevissimo periodo può aiutare a nascondere la polvere sotto il tappeto ma non risolve nessuno dei troppi nodi irrisolti: non si migliorano le condizioni di lavoro, non si aumenta la dotazione organica, non aumentano i posti letto, non si rispettano i tempi di attesa e non si rafforza il radicamento nel territorio. Se il Presidente Rocca non cambierà passo, iniziando a confrontarsi e condividendo le scelte e le soluzioni, la mobilitazione già iniziata in alcuni territori non potrà che intensificarsi e allargarsi”, conclude Di Cola.

Related Posts

Prenota ora!