Industria 4.0 e lavoro: seminario in Cgil

Si è svolto il 23 febbraio 2017, nella sede della Cgil di Roma e del Lazio (via Buonarroti 12), un incontro sulla Industria 4.0 e sulle sue ricadute in termini di organizzazione del lavoro e di occupazione.

Nel corso della giornata, concepita in forma seminariale, alcuni dei protagonisti del settore hanno offerto diversi contributi molto interessanti.

Vittoria Carli, presidente della sezione Information Technology di Unindustria e responsabile general affairs & security, marketing & internationalization della ISED S.p.A, ha illustrato gli aspetti innovativi del progetto europeo Cicero Hub.

Luigi Nuzzi, della Capgemini, ha completato la panoramica delle caratteristiche più significative del progetto Cicero Hub a cui sta lavorando insieme alla sezione IT di Unindustria a partire dal settembre 2016 e che ora si appresta ad entrare nella fase operativa.

Tra le numerose relazioni presentate durante il dibattito, una delle più stimolanti è certamente stata quella di Sterfano Sandri, che con la sua Nano-Tech è fortemente impegnato nello sviluppo di materiali innovativi basati sule nanotecnologie.

Molte utili riflessioni sono veute anche dal contributo portato da Roberto Litta (Lazio Innova) che ci ha illustrato le prospettive per le nuove professionalità nel settore della raccolta e della gestione dei dati, le promesse legate all’avvento dei nuovi materiali e tutte le sfide sui nuovi modelli formativi che occorre rapidamente mettere in campo per accompagnare in modo armonico  i nuovi processi organizzativi e produttivi aziendali.

Un vero e proprio StarGate sul futuro è stato infine aperto da Brunello Bonanni, di Ibm Italia, che ci ha anticipato le più importanti innovazioni che potrà portare nelle nostre abitudini il progetto Watson e lo sfruttamento intensivo di molte soluzioni di intelligenza artificiale.

Molti e molto interessanti anche i contributi al dibattito portati da numerosi funzionari e dirigenti sindacali.

Nel corso della giornata ai contributi dei numerosi ospiti si sono alternati anche i contributi di alcuni funzionari e dirigenti della Cgil.

Donatella Onofri, segretaria della Cgil di Roma e Lazio, ha messo l’accento sull’importanza per il sindacato di discutere e contrattare i temi legati alla Industria 4.0 sin da ora, prendendo consapevolezza che si tratta di un processo già oggi in pieno e tumultuoso sviluppo che bisogna da subito sforzarsi di gestire e indirizzare.

I ricercatori della Fondazione Di Vittorio, Serena Rugiero e Daniele Di Nunzio, hanno offerto al dibattito moltissimi spunti  parlando di edilizia ecosostenibile e sui nuovi processi di organizzazione produttiva e aziendale.

Giancarlo Pelucchi, Cgil nazionale,   ha illustrato il progetto “Idea Diffusa” con cui la Cgil pensa di provare a sperimentare nuove forme di creazione e condivisione (anche “orizzontale”) della conoscenza all’interno della nostra organizzazione.

Molto vivace è stato anche il dibattito che si è sviluppato tra i partecipanti al seminario e i relatori e particolarmente stimolanti sono stati i contributi di alcuni dirigenti territoriali, tra cui Anselmo Briganti (Cgil di Frosinone e Latina) e Luigi Cocumazzo (Cgil di Rieti Roma est Valle dell’Aniene),  che hanno rappresentato su questi temi il punto di vista e le necessità di importanti realtà sindacali .