Guidonia: le proposte della Cgil Rieti Roma est Valle dell’Aniene

0
107

“In un’affollata e partecipata assemblea, aperta a tutta la cittadinanza, ai candidati sindaci e ai candidati al consiglio comunale della città, la Cgil di Rieti Roma est Valle dell’Aniene ha illustrato questa mattina a Guidonia i punti della propria proposta – una sintesi delle battaglie, in particolare sulla legalità, portate avanti dalla Cgil in questi anni nel territorio e discusse in assemblee e riunioni tra i lavoratori – da sottoporre al confronto in campagna elettorale e successivamente con la prossima amministrazione”. Lo ha detto il segretario generale della Cgil di Rieti Roma est Valle dell’Aniene Luigi Cocumazzo.

“Oltre ai temi del lavoro, fulcro per la Cgil del dibattito politico, e della legalità, sono state affrontate le tematiche relative alla lotta all’evasione fiscale, all’efficienza e alla trasparenza dell’amministrazione comunale, ai servizi sociali e sanitari e alla difesa dell’ambiente.

Gli interventi che si sono succeduti, tra cui quelli dei candidati sindaci Di Silvio (Pd), Silvi (Sinistra Popolare), Cerroni (Lista Civica), Fuscello (Noi per Guidonia) hanno mostrato di apprezzare le nostre proposte e di condividere, seppure con ovvie distinzioni, il codice etico di Avviso Pubblico, l’associazione che si batte per la lotta alla corruzione negli enti locali e per la legalità. Questo è il punto più delicato, dopo le vicende degli scandali avvenuti a Guidonia, l’arresto e la condanna del sindaco De Rubeis e quello di funzionari e dirigenti del Comune.

Tra i punti del programma è stata sottolineata l’urgenza di un piano per lo sviluppo che sappia creare nuove opportunità di lavoro valorizzando le risorse del territorio, in particolare quella del travertino romano. Per quanto riguarda la lotta all’evasione fiscale è stata avanzata l’idea di un patto anti-evasione con l’Agenzia delle entrate. Si è parlato poi della necessità di un piano per il trasporto locale e di una diversa politica sociale e sanitaria per le famiglie e gli anziani, salvaguardando i ceti più deboli attraverso una redistribuzione del carico fiscale”.

6 giugno 2017

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here