Azzola: La CGIL si batte da sempre per il lavoro e i lavoratori

 

“La Cgil si batte da sempre per il lavoro e i lavoratori. Questo è l’unico dato incontrovertibile e l’unica cosa che conta davvero, al di là delle polemiche, specie se sterili o artefatte come quella innescata nelle ultime ore via Facebook da parte dell’onorevole Luigi Di Maio”. Così, in una nota, il segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio Michele Azzola.
“In questi anni – continua – la Cgil è stata al fianco dei dipendenti delle aziende in crisi che pagavano lo scotto di una politica incapace di decidere, di agire, di difendere le persone e la dignità del lavoro, con ricadute pesantissime per il territorio. Almaviva, infatti, è solo l’ultimo tassello di un mosaico più generale.
Quello che raffigura il lavoro che non c’è più, la desertificazione industriale, la cancellazione dei diritti e lo scempio delle regole”.

“Non è certo con simili mezzucci – aggiunge Azzola – che Di Maio riuscirà a far dimenticare agli italiani quel suo ‘errore di sottovalutazione’ dello scorso agosto, la leggerezza cioè con cui aveva letto la famosa mail che lo informava dell’avviso di garanzia in arrivo all’indirizzo dell’ex assessora all’ambiente di Roma Capitale Paola Muraro e della necessità di rimuovere Raffaele Marra dal suo incarico di vice capo di Gabinetto della sindaca Raggi.
La fine dell’anno è arrivata con le dimissioni della Muraro e l’arresto a ruota di Marra, mai rimosso ma semplicemente nominato capo del personale. E agli errori di sottovalutazione di una mail si sommano quelli di valutazione delle persone chiamate a ricoprire incarichi così delicati all’interno dell’amministrazione capitolina.
Se ‘l’epoca della rappresentanza è finita’ Di Maio si chieda che cosa ci sta a fare in Parlamento e il significato del suo ruolo di vicepresidente della Camera.
Prima di esternare si abitui a riflettere. E’ il mio augurio per l’anno che verrà”.