Susanna Camusso incontra i lavoratori di Sky

Camusso presenta le ragioni dei referendum a Sarah Varetto, direttrice di SkyTG24

Camusso: “C’è un limite etico ai profitti?”. “Vertenza ambigua e complicata, chiediamo tavolo a Palazzo Chigi”.

“Abbiamo scelto di venire qui perché qui c’è una vertenza aperta che ha aspetti particolari, una vertenza ambigua e complicata”. La leader della Cgil, Susanna Camusso, partecipa all’assemblea dei lavoratori di Sky, nel giorno dell’avvio del tour del camper a sostegno dei due referendum su voucher e appalti. Oggi in tutto il paese il sindacato incontra i lavoratori del mondo dell’informazione.

La situazione di Sky è particolare perché gli esuberi e i trasferimenti a Milano “determinano incertezza nelle persone” e questo avviene, sottolinea Camusso, “in un grande gruppo, con grandi investimenti. Uno si immagina di essere in luogo che ha prospettiva, non c’erano elementi per pensare di essere in un’azienda in difficolta'”. Insomma, di questa vertenza “non si capisce il perché: non esiste uno stato di crisi. Se non lo vogliamo considerare un impazzimento…”.

La sindacalista quindi chiede: “C’e’ un limite etico a quanti profitti si possono fare? E’ tutto lecito? Ci sono aziende che non ce la fanno più e, comunque, noi cerchiamo di salvare l’occupazione ma quando le aziende vanno bene, in ragione di cosa decidono di avere una crisi? Questa è una vertenza diversa da tante altre”.

Per la sindacalista in questa vicenda “bisogna alzare il tono, mi farà portavoce della richiesta di aprire un tavolo a palazzo Chigi e lanceremo l’hashtag Paolo Gentiloni dacci l’incontro”, sapendo che questo caso “parla anche del ruolo della capitale”. Al premier “chiederemo anche se vogliamo proporre un’etica del lavoro in questo Paese, perché non ne posso più di sentire che chi ha un lavoro con un contratto e i diritti è un privilegiato”.

22 febbraio 2017

(fonte Dire)