Sgombero Nuovo Cinema Palazzo, Cgil Lazio: solidarietà ad attivisti

“La notizia che ha svegliato oggi le cittadine e i cittadini della Capitale, lo sgombero del Nuovo Cinema Palazzo di San Lorenzo, ci preoccupa e ci indigna. Ancora una volta viene sgomberata una realtà importante per il tessuto sociale di Roma, un luogo che ha fatto della cultura la sua arma politica più rappresentativa nella difficile lotta alla speculazione edilizia, senza che da parte delle amministrazioni locali, Regione e Comune, siano giunte soluzioni mirate a riconoscere e riportare in una situazione di legalità un’esperienza sociale e culturale di questo tipo”. Lo dice la Cgil di Roma e del Lazio.

“Lo sgombero, in piena pandemia, ci fa riflettere con amarezza sulle priorità che si è posto il Campidoglio e su come la giunta 5 Stelle abbia deciso di avvicinarsi alle elezioni, facendo tabula rasa delle esperienze critiche che animano la vita culturale della Capitale”.

“Condanniamo la scelta di nascondersi demagogicamente dietro la difesa della proprietà privata a discapito di chi promuove aggregazione, inclusione e combatte la dura lotta contro povertà e disuguaglianze. Sarebbe stato necessario piuttosto adoperarsi per trovare una soluzione equilibrata che tutelasse e valorizzasse il Nuovo Cinema Palazzo come bene di interesse di una intera comunità.

Esprimiamo solidarietà agli attivisti. Oggi saremo in piazza al loro fianco per chiedere a gran voce un deciso passo indietro sullo sgombero, il riconoscimento del ruolo che il Nuovo Cinema Palazzo svolge per una parte della cittadinanza capitolina e l’inaugurazione di un percorso che tuteli questa esperienza dal punto di vista legale e amministrativo”.

25 novembre 2020