Cgil, Cisl e Uil, società partecipate Roma Capitale: basta inerzie, serve confronto per rilancio

0
91

Il sistema delle società partecipate di Roma Capitale va sostenuto coinvolgendo le lavoratrici e i lavoratori nella costruzione di proposte condivise che rilancino le singole aziende e la governance complessiva. Questo in estrema sintesi il messaggio contenuto nel documento finale votato all’unanimità dall’attivo dei quadri e delegati delle società partecipate del Comune di Roma appena conclusosi all’Auditorium Donat Cattin di via Rieti.

“L’articolato dibattito – hanno commentato Michele Azzola, segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio, Carlo Costantini, segretario generale della Cisl di Roma Capitale Rieti e Alberto Civica, segretario generale della Uil del Lazio – ha evidenziato le criticità della galassia delle partecipate romane”.
“I lavoratori ci hanno dato mandato, in raccordo con le categorie interessate, di incalzare l’amministrazione capitolina affinché mantenga gli impegni sottoscritti e apra un confronto strutturato così come previsto dal protocollo ‘Fabbrica Roma’; promuovere nel mese di settembre un’iniziativa che porti all’attenzione dell’opinione pubbliche la nostra visione sul futuro delle partecipate di Roma Capitale; sostenere le categorie nelle vertenze aperte”.
Se dovessero perdurare le violazioni degli accordi e lo stallo nel confronto – concludono – insieme alle categorie ci impegneremo ad alzare il livello della mobilitazione già a partire dal mese di settembre. In mancanza di risposte concrete attiveremo tutte le ulteriori iniziative necessarie“, hanno concluso i sindacalisti.
25 luglio 2019