Roma Multiservizi licenzia trenta lavoratori. Cgil: Raggi non rispetta gli accordi

0
525

Trenta lavoratori licenziati. Si è conclusa con questo risultato la riunione notturna su Roma Multiservizi presso l’assessorato regionale al Lavoro. L’ azienda ha deciso di non revocare la procedura di mobilità per questi lavoratori e di non concedere loro gli ammortizzatori sociali, come proposto dalle organizzazioni sindacali.

“La Multiservizi ha concluso ieri  la missione per cui era nata – dice Luca Battistini, segretario della Filcams Cgil di Roma e del Lazio, intervenuto al presidio dei lavoratori in corso davanti la sede aziendale in via Tiburtina -, quella di avere un obiettivo di solidarietà nei confronti di categorie svantaggiate. L’azienda sostiene che c’è un problema economico e la rottura di questa notte è sorta perché è mancata la volontà aziendale, ma anche politica, nel trovare soluzioni idonee ai lavoratori. Multiservizi è un’azienda partecipata, e Ama e la politica hanno deciso di supportare il licenziamento. La Regione Lazio ha messo in campo tutte le possibilità e i sindacati hanno avanzato diverse e numerose proposte, ricevendo soltanto controproposte inaccettabili che aggredivano i lavoratori”.

Il nodo centrale, secondo Battistini “è questa gara a doppio oggetto con cui si vuole ridurre il personale. Tutto si misura sugli appalti che entreranno e se non ci saranno appalti si licenzieranno altri lavoratori. La nostra preoccupazione è quindi rivolta alle prossime gare che interesseranno i lavoratori delle mense, della ristorazione e quelli che svolgono i servizi di pulizia. Sta emergendo un quadro preoccupante nell’ambito di una gara a doppio oggetto che non ha una vera norma di salvaguardia dei lavoratori: il Campidoglio attraverso questa gara vuole ridurre il personale. La sindaca Raggi e la sua giunta non hanno rispettato le promesse sbandierate in campagna elettorale“.

“I lavoratori e il sindacato continueranno a lottare – aggiunge il segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio Michele Azzola -. E’ un problema che chiama in causa direttamente la sindaca Raggi, che sta violando gli impegni assunti con le organizzazioni sindacali. È chiaro che ora verrà messo in discussione l’insieme dell’impianto di accordi con il Campidoglio, perché se viene meno la credibilità della sindaca viene meno anche il rapporto di fiducia”.

I lavoratori sciopereranno il prossimo 22 febbraio.

9 febbraio 2018

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here