Roma Multiservizi, Cgil, Cisl e Uil: Consiglio Stato blocca Newco, Raggi tuteli lavoratori

ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

“Adesso basta. Non lasceremo che 2500 lavoratrici e lavoratori dell’appalto Global Service di Roma Multiservizi siano ostaggio dei conflitti interni a Roma Capitale, né che paghino il prezzo dell’inconcludenza e delle scelte sbagliate di questa amministrazione”. Lo dichiarano  Michele Azzola, Carlo Costantini e Alberto Civica, segretari generali di Cgil, Cisl e Uil di Roma e Lazio insieme ad Alessandra Pelliccia, Stefano Diociaiuti e Maurizio Lago, segretari generali delle categorie territoriali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti

“Solo pochi giorni fa (martedì 4 agosto) abbiamo sottoscritto con Roma Capitale un accordo importante che ha affermato un principio condiviso: per il corretto avvio dell’anno educativo – scolastico, l’Amministrazione si è impegnata a garantire a tutte le lavoratrici e i lavoratori dell’appalto Global Service continuità occupazionale, consolidamento delle ore supplementari e dei diritti connessi al rapporto di lavoro in essere con Roma Multiservizi (contratti su 12 mesi, articolo 18 L300, anzianità convenzionale), nell’ambito della procedura che avrebbe trasferito, entro il 31 agosto servizi e lavoratori in capo ad una NewCo, costituita al 51% da Roma Capitale e al 49% da un socio privato (CNS)”.

“Ieri, tuttavia, l’ennesimo colpo di scena: Roma Multiservizi, società partecipata dalla stessa Amministrazione attraverso AMA, ha depositato un ricorso e ottenuto la sospensiva del procedimento in corso da parte del Consiglio di Stato.

“La Sindaca onori gli impegni assunti. Per noi i principi dell’accordo restano validi, a partire dal diritto al consolidamento degli orari di lavoro, che non può più aspettare”

“Vogliamo essere chiari non ci interessa il gioco delle tifoserie contrapposte. Quello lo lasciamo ad altri. Noi tifiamo per la legalità, la trasparenza e il rispetto dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori ed è per questo che a Roma Capitale diciamo: la giustizia amministrativa farà il suo corso, ma gli impegni dell’accordo sottoscritto vanno onorati ed entro il 31 agosto devono essere consolidati i parametri orari di chi da anni svolge strutturalmente ore di lavoro supplementare o sarà mobilitazione”

Chiarissima, infine, anche la posizione di Cgil, Cisl, Uil e delle categorie Filcams, Fisascat e Uiltrasporti sui ricorsi pendenti e sulla prospettiva di gestione del servizio “l’unica alternativa alla costituzione della NewCo, per quanto ci riguarda, è quella di una vera internalizzazione dei servizi e di tutti i rapporti di lavoro, nell’ambito di una società in house partecipata al 100% da Roma Capitale. Lo sosteniamo da sempre e i fatti dimostrano che abbiamo ragione: fallita la strada della gara a doppio oggetto, proseguita per anni tra proteste e ricorsi (e ad oggi sub iudice della Corte Europea), l’Amministrazione ha scelto di non ascoltare la nostra proposta, optando per la trattativa privata e l’affidamento diretto alla NewCo. Una scelta che, ancora una volta, pare non essere nelle condizioni di portare avanti. Adesso basta. La Sindaca si assuma le proprie responsabilità o saremo costretti a mettere in atto tutte le iniziative di mobilitazione necessarie a partire da settembre”.

7 agosto 2020