Rifiuti, Di Cola: “da anni denunciamo condizioni lavoro in Tmb Ama”

Il sindacalista della Cgil di Roma e del Lazio Natale Di Cola, in un post su Facebook, commenta la vicenda del sequestro parziale del Tmb di Rocca Cencia.

“É grave sapere che serve sempre la Procura affinché a Roma si muova qualcosa. Denunciamo da anni le condizioni di lavoro nei Tmb di Ama – scrive Di Cola -. Tutte le nostre denunce (lavoro in quota, mezzi al lavoro sui cumuli, rischio incendio, rischio ribaltamento, qualità della produzione, condizioni di sicurezza per gli operai) hanno tristemente trovato un’altra conferma oggi, nelle ragioni del sequestro del Tmb di Rocca Cencia da parte della Procura”.

“È una sconfitta – sottolinea -, non solo per la giunta Raggi. È una sconfitta per la città. La sindaca invece di accettare la sfida che gli lanciammo al suo insediamento sull’impiantistica, ha scelto la strada dell’autoconservazione”.

Il risultato – conclude – è la progressiva scomparsa sull’impiantistica da Roma. Un risultato disastroso per tutti”

13 giugno 2020

(Fonte Agenzia Nova)