Rider, Cgil: domani, #26marzo, in piazza per il ”No delivery day”

Domani, 26 marzo, a Roma e in oltre 30 città italiane i rider si fermeranno chiedendo anche ai clienti di non fare ordinazioni con consegna a domicilio. E’ il ”No delivery day” organizzato dalla rete RiderXiDiritti.

La Cgil di Roma e del Lazio è vicina ai rider e sostiene le loro lotte: domani, a partire dalle ore 15, parteciperà al loro presidio in Piazza San Silvestro, nel rispetto della normativa anti-Covid.

“In tutta Europa, le aziende mettono in regola i ciclofattorini e garantiscono diritti, sicurezza e salario. I rider diventano dipendenti e riescono a uscire dal cottimo e dallo sfruttamento”.

In Italia, invece, AssoDelivery continua a sfuggire al confronto e preferisce soccombere in tribunale e rischiare di pagare milioni di multe piuttosto che trattare davvero con le organizzazioni sindacali. La firma del protocollo contro il caporalato, sottoscritto ieri, dimostra che la trattativa sindacale e gli accordi portano buoni risultati.

L’unica strada è quella che dà spazio alla trattativa con i rappresentanti dei lavoratori, come sta facendo Just Eat, per dare vita a un contratto vero che tuteli i rider ed elimini ingiustizie e sfruttamento.

25 marzo 2021