Regione, Azzola: giunta individui risorse per rimettere in moto economia e lavoro

© Marco Merlini / Cgil

“Il consiglio regionale ha approvato recentemente una serie di ordini del giorno relativi a tematiche su cui la Cgil da tempo avanza proposte con l’obiettivo di rimettere in moto nel territorio economia, sviluppo, lavoro”.  Lo dice il segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio Michele Azzola.

Stiamo parlando, in particolare, dei documenti che impegnano il presidente Zingaretti e la sua giunta a istituire l’unità regionale di crisi aziendali, settoriali e territoriali e una commissione regionale d’indagine sul decent work e sul lavoro 4.0, a emanare il bando di gara per la gestione della tenuta di Castel di Guido, a favorire la costituzione nel territorio di Colleferro di un sistema produttivo locale del riuso e del riciclo, a introdurre nel Lazio il ‘Patto annuale sugli investimenti per infrastrutture sociali nelle unioni di comuni’ con cui dotare per dieci anni risorse fisse dedicate al solo ed esclusivo risanamento di scuole, asili nido, mobilità collettiva, impianti sportivi e di altre infrastrutture sociali, con risorse aggiuntive a quelle ordinarie a disposizione dei comuni, ad attivare con urgenza i due strumenti previsti nell’accordo fra Regione Lazio e Cgil, Cisl e Uil dell’11 aprile scorso che dovranno essere gestiti dal Recup: l’agenda regionale di prenotazione dei ricoveri ospedalieri e l’agenda regionale di prenotazione per l’accesso alle prestazioni di diagnostica”.

Riteniamo ora necessario che la giunta nel documento di programmazione economico-finanziaria regionale individui strumenti e risorse per finanziare tutto ciò. Questo significherebbe agire concretamente per garantire alle persone un lavoro dignitoso e di qualità nell’ambito di uno sviluppo sostenibile, rendendo al contempo meno gravoso di quando lo sia stato finora l’accesso ai servizi sociali e sanitari. La strada è ancora lunga ma riteniamo che se queste proposte verranno tradotte in pratica sarà compiuto un passo avanti importante per restituire ai cittadini della nostra regione il ruolo e la centralità che specialmente negli ultimi anni hanno perso”.

20 settembre 2017