Protesta dei lavoratori dell’appalto Und Multiservizi in Campidoglio, Di Cola: garantire futuro a dipendenti

Un momento della protesta sulle scale dell'Arce capitolina in piazza del Campidoglio.

Una protesta spontanea dei lavoratori Multiservizi impiegati nell’appalto per la raccolta dei rifiuti alle Utenze non domestiche si sta tenendo in queste ore in piazza del Campidoglio. “Vergogna. Raggi licenzia. Basta con i raggiri”, si legge su uno striscione esposto sulle scale dell’Arce capitolina.

I lavoratori, con indosso i fratini gialli e arancioni, stanno chiedendo una soluzione per 270 persone licenziate a causa della mancata proroga dell’appalto. Proroga rispetto alla quale l’assemblea capitolina si era espressa favorevolmente in attesa del nuovo avviso pubblico, ma a cui l’azienda e le Ati non hanno dato seguito.
“Domani è previsto l’ennesimo incontro – spiega il sindacalista della Cgil di Roma e del Lazio, Natale Di Cola -. A oggi i lavoratori hanno ottenuto solo una sospensione dei licenziamenti, ma la sindaca Raggi su questa vertenza non ha mai detto una parola. La sindaca può intervenire per far rispettare la norma nazionale che prevede il blocco dei licenziamenti, mentre Ama e Multiservizi devono adoperarsi per trovare una soluzione per garantire un futuro a questi lavoratori”.
(Fonte Agenzia Nova)
25 maggio 2020