Lavoro, Cgil: nel Lazio cresce la cassa integrazione

0
48

“Le lavoratrici e i lavoratori del Lazio faticano a coltivare la speranza di migliorare la propria condizione, non solo perché i contratti che si stipulano sono per la maggioranza a termine, di breve durata e si riducono quelli a tempo indeterminato, ma anche perché cresce la cassa integrazione. Le ore autorizzate di cassa integrazione dei primi 7 (sette) mesi del 2018, infatti, crescono in modo vertiginoso, sia quello di cassa integrazione ordinaria e sia quelle di cassa integrazione straordinaria. La cassa integrazione ordinaria passa da 3.796.740 ore del 2017 alle 4.244.572 ore del 2018, si tratta di un incremento pari a 447.832 ore; la straordinaria incrementa di 924.723 ore, passando da 8.621.977 a 9.546.700 ore”. Lo dice Donatella Onofri, segretaria della Cgil di Roma e del Lazio.

Il lavoro cala, cresce il disagio sociale

“Da tali dati esce una fotografia preoccupante: aumenta il numero delle lavoratrici e dei lavoratori coinvolti dalle crisi aziendali, dunque non si arresta il fenomeno della fuga delle aziende dal Lazio né tanto meno il numero di aziende in crisi, anzi il fenomeno si dilata. E’ del tutto evidente che quando si riduce il lavoro cresce il disagio sociale e le dinamiche distorsive che ne sono conseguenti. In tali condizioni è facile rimanere preda di chi semina odio verso il diverso, l’immigrato, colui o colei che viene vissuto come quello che ti toglie qualcosa. In una parola si alimentano le paure”.

Istituzioni locali devono tornare a occuparsi dei cittadini

La Regione Lazio e il Comune di Roma non possono far finta di nulla, si tratta della qualità della vita della comunità che loro sono chiamati ad amministrare. I cittadini di Roma e del Lazio sono ormai stanchi di servizi che invece di migliorare peggiorano, di appalti sempre al ribasso senza ricercare la qualità e senza mettere al centro il lavoro. Le istituzioni devono tornare a essere il luogo nel quale di creano le precondizioni per lo sviluppo”.

5 settembre 2018

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here