Eur, sindacati: lavoratori in protesta bloccano cantiere Eni

0
112

“Stato di agitazione per i lavoratori edili impiegati nella costruzione della nuova sede dell’Eni all’Eur in via Paride Stefanini, di fronte a Euroma 2. Da stamattina oltre 40 lavoratori sono in presidio all’interno del cantiere per protestare contro la mancata retribuzione degli stipendi e della cassa edile da parte delle aziende Ediltecno e Cem. Si va dalle due alle quattro mensilità arretrate, a seconda dei casi”. Lo dicono Andrea Pace e Teresa Corciulo della Fillea Cgil di Roma e del Lazio, Francesco Indelicato della Filca Cisl di Roma e Salvatore Riga della Feneal Uil di Roma.

“Il sindacato sta trattando con la società Buildit, responsabile in solido dell’operazione, che però dichiara di non essere in grado, per il momento, di indicare una data per i pagamenti”.

“Chiediamo che gli operai vengano pagati al più presto e che sia sanata anche la situazione della cassa edile. In precedenza anche altre volte gli operai avevano protestato e si erano arrampicati sulla gru lamentando ritardi nel pagamento degli stipendi, costringendo i vigili del fuoco a intervenire con diversi mezzi per evitare il peggio”.

4 maggio 2018

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here