AMA, SINDACATI: IL 15/10 PARTECIPATE IN PIAZZA CONTRO DECLINO

0
208

Roma, 1 ott. – “Il peggiorare della crisi delle partecipate, dopo l’aggravarsi delle vertenze su Multiservizi, Farmacap e Roma Metropolitane, con le dimissioni del nuovo vertice di Ama ci impongono di prendere atto del fallimento di questa Giunta nella gestione delle aziende pubbliche. Sul ciclo dei rifiuti in particolare non ha piu’ scusanti. La Giunta Raggi non e’ in condizioni di gestire una situazione cosi’ critica. Da due anni un’azienda strategica per la Capitale e’ ostaggio del dipartimento partecipare e dell’assessore Lemmetti, mentre la Sindaca latita. AMA ha perso impianti e valore, gli operai non hanno nemmeno le tute per lavorare e oggi un Cda appena insediato si dimette. Uno scenario disastroso. La manifestazione del 15 ottobre proclamata dalle rappresentanze aziendali AMA in Campidoglio a questo punto sara’ l’inizio della riunificazione delle vertenze, che ci condurra’ allo sciopero cittadino di tutte le partecipate. Sui rifiuti, visto l’allarme, non vediamo altra strada. Serve il commissariamento. Ormai l’emergenza costante e’ un problema nazionale e va affrontata con un’impegno straordinario e congiunto di tutte le istituzioni. Siamo a un passo dal fallimento di Ama, senza alcuna continuita’ amministrativa e aziendale, e dopo tre anni non esiste uno straccio di progetto sul rilancio e sulla chiusura del ciclo, mentre il servizio e’ persino peggiorato oltre i peggiori standard della citta’. Ministero, Regione Lazio e Prefetto non stiano piu’ a guardare”. Cosi’ in una nota i Segretari generali di CGIL Roma e Lazio, CISL Roma Capitale Rieti, UIL Lazio, Michele Azzola, Carlo Costantini, Alberto Civica.