Aggressioni autisti bus, sindacati: 26 settembre sciopero

“A questo punto le parole non servono piu’. I nostri appelli, per trovare soluzioni volte a migliorare le condizioni lavorative del personale front line del trasporto pubblico locale, sono rimasti inascoltati, sottovalutati da un intollerabile immobilismo decisionale. La situazione ora ci impone azioni forti”. E’ quanto rendono noto i segretari generali della Filt-Cgil e Fit-Cisl di Roma e Lazio, Eugenio Stanziale e Marino Masucci, e il commissario straordinario della Uil trasporti Lazio, Gian Carlo Serafini.

“Le organizzazioni sindacali di categoria hanno proclamato uno sciopero di due ore il prossimo 26 settembre dalle 10 alle 12 che, siamo consapevoli, arrechera’ disagi ai cittadini, ma e’ giunta l’ora che le istituzioni, la politica e tutta la societa’ civile si prendano carico di tutelare e proteggere chi opera nei servizi pubblici, al netto di eventuali dinamiche aziendali, che certamente non possono essere ricondotte al personale o peggio strumentalmente addotte mediaticamente ai lavoratori. E’ il momento di mobilitarci e di far sentire la nostra voce”. ”

“Le quotidiane criticità vissute dai lavoratori del trasporto pubblico locale, che mai nel corso degli anni abbiamo smesso di denunciare, sono ormai mutate in una vera e propria escalation di violenza. A questo punto sono assolutamente prioritarie misure concrete e celeri, volte ad affrontare fattivamente l’emergenza sicurezza”.

“Faremo tutto il possibile affinche’ si adottino immediatamente misure di deterrenza degli episodi inammissibili che continuano a verificarsi, a partire dalla dotazione di cabine blindate su tutti i bus, fino all’adozione di sistemi avanzati di monitoraggio della sicurezza dei lavoratori, quali l’utilizzo di telecamere e nuovi dispositivi tecnologici. Serve, inoltre, una riflessione sull’entita’ delle pene per chi compie reati nei confronti dei lavoratori, e sul riconoscimento economico-normativo delle aggressioni, che non possono essere considerate alla stregua di un generico infortunio o malattia. Non e’ piu’ il momento di attendere, pretendiamo risposte tempestive: troppe persone sono finite in ospedale per situazioni scongiurabili e troppi lavoratori temono per la propria incolumita'”.

“E’ necessario istituire un tavolo di confronto, al quale siano partecipi anche le rappresentanze dei lavoratori, che, oltre ad attivare misure strutturali di salvaguardia e strumenti di collegamento diretto con le centrali operative preposte all’ordine pubblico, abbia anche l’obiettivo di riconoscere lo status di pubblico ufficiale al personale front line”.

24 settembre 2019