Sicurezza lavoro, Cgil: aspettiamo convocazione in Regione Lazio

0
15

“L’Inail ha pubblicato i dati sugli infortuni mortali registrati nei primi sei mesi dell’anno, registrando un calo dello 0,8% rispetto all’anno precedente. Il Lazio, diversamente dall’andamento nazionale, e specificatamente Roma, registra invece un aumento, anche per quanto riguarda le malattie professionali. Interessante notare che il 50% degli incidenti ha coinvolto lavoratori fra i 50 e i 64 anni”. Così, in una nota, i segretari della Cgil di Roma e del Lazio Roberto Giordano e Donatella Onofri.

“Quello della sicurezza nei luoghi di lavoro  è un tema spinoso e complesso, quindi non facilmente semplificabile. Tuttavia, non possiamo che rimarcare il parallelismo fra l’incremento degli incidenti sul lavoro nella nostra Regione e l’aumento esponenziale dei rapporti di lavoro precari. Quando registriamo (fonte Centro Studi Cgil regionale) che nel 2017 i rapporti di lavoro, con una durata non superiore ai 30 giorni, raggiunge il 54% del totale dei rapporti di lavoro attivati, allora vuol dire che è difficile non trovare una connessione. Quando poi rileviamo che il 34,4% del totale dei rapporti di lavoro attivati è di un solo giorno, il commento diventa addirittura superfluo”.
“Cgil, Cisl, Uil di Roma e Lazio hanno presentato al nuovo assessore al lavoro della Regione Lazio la loro piattaforma su salute e sicurezza, che tocca i temi degli appalti, dell’edilizia scolastica, dell’amianto e del rapporto fabbrica/ambiente. Per ora si è svolto un incontro tecnico con il CO.RE.CO. Aspettiamo con impazienza la convocazione come organizzazioni sindacali”.
26 luglio 2018

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here