Rifiuti Roma: Cgil, commissariamento unica strada per risolvere problema

“Preoccupano le parole del presidente del Collegio dei sindaci di Ama, Mauro Lonardo. La situazione di precarietà in cui da due anni a questa parte è stata spinta la partecipata è sotto gli occhi di tutti. La mancanza di scelte incisive adesso appare irresponsabile. L’unico vero progetto sembra quello di mandare un intero sistema al collasso”. Lo dice la Cgil di Roma e del Lazio.

“Questa amministrazione sembra perseguire la crisi, ci riconsegna un ciclo più debole e una città più sporca, con i lavoratori che operano in condizioni persino peggiori del passato. Non è pensabile che, senza aver progettato un solo impianto, avendo spinto su un porta a porta fatto male e portato avanti peggio, si continuino a mandare messaggi tranquillizzanti mentre la casa brucia. Il disastro sulla raccolta delle utenze non domestiche, ad esempio, dimostra come l’incapacità di ascoltare il sindacato produce risultati assai negativi tanto per la città quanto per gli operatori”.
“Come abbiamo già detto, non ci sembra ci sia più alcun margine per aspettarsi risultati dalla Giunta Raggi: il ciclo va commissariato e servono soluzioni straordinarie per aiutare la Capitale nell’immediato e dare a Roma un’impiantistica all’altezza della sfida”.
12 ottobre 2019