Comune, sindacati: ancora irregolarità in appalti pulizia e sanificazione

“Ancora problemi per i lavoratori operanti nell’ambito di tutti i lotti di pulizie e sanificazione promossi dal Comune di Roma Capitale. Nell’esaminare i documenti di gara, riscontriamo ancora che il capitolato è stato redatto contro gli interessi dei lavoratori peggiorando addirittura la norma contrattuale che tecnicamente dovrebbe essere pedissequamente rispettata e recepita da ogni ente committente”. Così in una nota congiunta Luca Battistini Filcams Cgil Roma e Lazio, Stefano Diociaiuti Fisascat Csil Roma Capitale Rieti, Stefano Ladogana, Uiltrasporti Lazio.

“Non possiamo accettare, che venga lasciata carta bianca alle aziende aggiudicatarie di riscrivere unilateralmente la geografia della forza lavoro presente, senza clausole chiare che mantengano invariati i livelli occupazionali ed economici di tutti i lavoratori. Abbiamo già provveduto a contestare e denunciare tutto quanto irregolarmente presente all’interno del capitolato, richiedendo un incontro urgente alla committenza, la stessa che dovrà fornirci risposte chiare e certe sulle tematiche legate alla tutela del lavoro e dei lavoratori, se così non sarà saremo pronti ad intraprendere azioni di lotta anche eclatanti al fianco dei lavoratori ormai stanchi di continui soprusi e tagli ai loro stipendi in nome di una completa ed inadeguata preparazione della amministrazione capitolina”.
“Pertanto, intendiamo specificare che potrebbero, nelle prossime settimane, verificarsi disservizi, che avremmo volentieri voluto evitare, ma dato il perdurare della situazione, ormai divenuta insostenibile e inaccettabile, alcune azioni divengono indispensabili per la tutela dei diritti dei lavoratori”.

7 febbraio 2018