Bando mense Roma, sindacati: da Baldassarre dichiarazioni incomprensibili

0
78

Le organizzazioni sindacali, Filcams CGIL Roma Lazio, Fisascat CISL Roma Lazio, Uiltucs Roma Lazio e Uiltrasporti UIL Roma Lazio, “contestano le dichiarazioni rilasciate alle testate nelle ultime ore dall’assessore alla Persona, Laura Baldassarre in merito al bando della refezione scolastica del Comune di Roma, secondo la quale, ‘e’ necessario evitare gli inutili allarmismi che in queste settimane si stanno rincorrendo. Vogliamo rassicurare nuovamente tutte le famiglie, gli operatori, le parti sindacali che sulla refezione scolastica verra’ messo in campo ogni strumento, inclusa la proroga, per garantire qualita’ e piena continuita’ del servizio offerto finora’.

Le organizzazioni sindacali ritengono incomprensibile il riferimento ad ‘inutili allarmismi’ e confermano di contro la preoccupazione rispetto alla congruita’ del costo pasto totalmente in contrasto alla qualita’ che viene sbandierata alla cittadinanza dallo stesso assessorato, che, ancora una volta, conforta l’utenza solo con le parole senza portare sul ‘piatto’ concretezza e atti che la giustifichino”.

“Riteniamo- continuano i sindacati- che non si possa avere qualita’ del servizio se Roma Capitale a distanza di due anni dalla pubblicazione del bando, non e’ in grado di garantire l’occupazione e la retribuzione per le circa 2.000 lavoratrici coinvolte nell’appalto e in particolare per le 170 lavoratrici della Roma Multiservizi, finora impiegate come cuoche nei nidi e le 330 addette delle scuole autogestite, escluse per un errore tecnico dal capitolato d’appalto”.

Le organizzazioni sindacali sottolineano che “l’Assessorato non ha indicato finora concrete soluzioni tecniche, ma blande rassicurazioni solo diffuse a mezzo stampa”

“Risulta surreale infine l’ultimo passaggio della dichiarazione: Non e’ pervenuta alle organizzazioni sindacali alcuna convocazione da parte dell’Assessorato per discutere ulteriormente del bando e apprendiamo solo a mezzo stampa dell’ipotesi di una possibile proroga – di che durata? A quali condizioni? – di ‘verifiche e monitoraggi su anomalie presenti nelle offerte’ e non abbiamo il riscontro sul controllo eseguito da Anac in merito alle procedure tecniche, pertanto, confermiamo le due giornate di sciopero previste per il 16 e 17 settembre (intero turno)”.

“Lavoratori, genitori, bambini e bambine aspettano risposte concrete da anni. La mobilitazione e’ solo all’inizio”, concludono i sindacati.

30 agosto 2019

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here